Messaggio del Presidente del Consiglio di Amministrazione

Giugno 2019

Messaggio dal CdA della Fondazione

Tra pochi giorni, mentre migliaia di Rotariani da tutto il mondo si preparano all’imbarco per i voli che li porteranno alla Convention del Rotary, qualcuno, riconoscendo le nostre spille, ci chiederà: “Sei Rotariano/a?”

Dopo aver risposto entusiasticamente di sì, ci sarebbe tanto ancora da dire: Noi Rotariani siamo Pronti ad Agire, e stiamo rendendo il mondo un posto migliore – attraverso i nostri contatti nei club e grazie alla Fondazione Rotary, con il suo potere di trasformazione. 

Potremmo parlare di come il Rotary implementa progetti a lungo termine che aiutano le comunità, di come i club di un Paese uniscono i fondi con quelli di altri club per rendere le comunità più sane, più prospere. Potremmo parlare dei club che, grazie alle nostre partnership con organizzazioni sanitarie a livello mondiale, stanno mettendo fine alla polio. E potremmo dichiarare che tutto il bene realizzato dal Rotary adesso e in futuro è possibile solo grazie alla Fondazione Rotary e alla sua promessa di trasformare i nostri contributi in progetti che cambiano la vita.

Quando ci ritroveremo ad Amburgo per festeggiare un altro anno di successi, avremo davvero tanto di cui essere fieri. Al momento della pubblicazione di questa comunicazione, risultano approvate 1.078 domande di sovvenzione globale, con un finanziamento totale di 76,5 milioni di dollari.

Lo scorso luglio, abbiamo lanciato un requisito di valutazione comunitaria per tutte le sovvenzioni globali e per le domande di squadre di formazione professionale, nell’ambito del nostro impegno per la sostenibilità. Tale approccio ha anche contribuito alla creazione, quest’anno, del Fondo Rotary di Risposta ai disastri e delle sue sovvenzioni. Il Fondo consente la distribuzione di sovvenzioni con importo massimo di 25.000 USD per interventi da parte di Rotariani in riposta ai disastri in tutto il mondo.

Quest’anno abbiamo anche notato una significante crescita e un maggiore impatto dei Centri della pace del Rotary. Tra tutti i candidati interessati nel 2019 saranno selezionati 100 destinatari di Borse della pace, e una volta completati i loro studi, i borsisti potranno unirsi agli oltre 1.200 borsisti che hanno completato gli studi, applicando le loro competenze in risoluzione di conflitti agli attuali problemi globali.

Alla pubblicazione di questa comunicazione, siamo molti vicini agli obiettivi di raccolta fondi di quest’anno, ma abbiamo ancora bisogno del vostro aiuto per superarli.

Siamo impegnati a rafforzare e far crescere la Fondazione per il futuro. Mentre ci prepariamo per il nuovo anno rotariano e per le opportunità che ci consentiranno di avere un impatto ancora maggiore nelle comunità di tutto il mondo, desideriamo ringranziare Brenda Cressey, Chair della FR, per la sua leadership negli ultimi due mesi. In caso di domande sulla recente transizione delal leadership della Fondazione, visitate il sito my.rotary.org/it/ per maggiori dettagli.

Ci sono innumerevoli modi in cui la Fondazione ci consente di essere orgogliosi di far parte del Rotary e, nel contempo, ci sono anche tanti modi in cui noi possiamo aiutare la Fondazione a crescere. Concludete il vostro anno rotariano su una nota positiva. Visitate my.rotary.org/it/donate. Grazie per al vostra generosità e per tutto ciò che fate nel Rotary.


Maggio 2019

Molte buone idee di raccolta fondi nascono da tutti Voi, Rotariani sul campo. Negli anni, mi vengono a mente un paio di esempi che hanno avuto successo. Entrambi sono nati nella mente di Rotariani dediti e impegnati, che hanno rilevato il bisogno di creare consapevolezza sulla Fondazione Rotary e hanno agito.

Un esempio è la Paul Harris Society. Nel 1999, il Rotariano Wayne Cusick, (Distretto 5340, California) ha avuto l'idea di creare un gruppo speciale di individui che avrebbero contribuito 1.000 dollari alla Fondazione Rotary su base annuale. Durante il primo anno, si sono registrati 55 membri. Il numero è raddoppiato l'anno successivo. Oggi, circa 119 distretti hanno un programma di Paul Harris Society, con un'affiliazione che supera 22.000 persone. Per ulteriori informazioni, visitate rotary.org/paulharrissociety.

L'altro esempio è la White Hat Society. Mentre partecipavano all'Istituto del Rotary nel 2004, Ed Mullen e Bill Bryce (Distretto 5870, Texas) si sono sfidati a vicenda a contribuire 5.000 dollari ciascuno e a reclutare un altro Rotariano a fare la stessa cosa. In un solo giorno hanno raccolto 75.000 dollari. Oggi, ci sono oltre 450 membri in 38 distretti, in cinque Paesi diversi. Le donazioni hanno superato 5 milioni di dollari. Sono disponibili vari livelli di donazione, e ogni livello ha diritto a un riconoscimento special della White Hat Society. L'affiliazione non richiede una donazione annuale. Visitate taptrain.com/rotary per informazioni per l'affiliazione.

Vorrei aggiungere un'ulteriore opportunità a me molto cara. Sto parlando dell'iniziativa per preservare la casa di Paul e Jean Harris. I Rotariani coinvolti con la Paul and Jean Harris Home Foundation hanno acquisito l'intera proprietà e la stanno rinnovando. Il progetto è stato avviato dal Consigliere RI Robert C. Knuepfer Jr., socio del Rotary Club di Chicago, per preservare questo pezzo della storia del Rotary. Per maggiori informazioni su questo valido progetto, visitate il sito paulharrishome.org.

Unitevi a me diventando membri della Paul Harris Society o della White Hat Society e nel sostenere la Paul and Jean Harris Home Foundation.


Aprile 2019

Con l'inizio dell'ultimo trimestre dell'anno rotariano, cominciamo a dedicarci alla sua ottima conclusione. Mi auguro che il Vostro obiettivo sia stato quello di rendere il Vostro club più forte di come era all'inizio dell'anno. Tutti i club dipendono dai soci perché i club non solo sopravvivano, bensì possano fiorire.

Perché questo accada, però, ogni socio deve contribuire al successo ogni giorno dell'anno. È importante per noi identificare nuovi soci e patrocinarli, e contattare ex soci per invitarli a tornare. A prescindere dal loro status, soci nuovi o soci che ritornano nel club, dobbiamo fare mentoring e coinvolgerli, per farli sentire soci attivi del nostro club. Dobbiamo arrotolarci le maniche e lavorare a progetti di club, progetti globali, perché non c'è nulla che crea affiatamento più della collaborazione a progetti con altri soci di club.

Dobbiamo anche sostenere la Fondazione Rotary. Fare del bene nel mondo non succede per caso. Oltre a persone che realizzano i progetti, dobbiamo avere i fondi disponibili per realizzarli. Ed è qui che ognuno di noi ha un ruolo da ricoprire. Noi, i nostri partner e i nostri beneficiari, siamo le fonti per questi fondi. Mi auguro che ognuno dei soci faccia della nostra Fondazione l'ente di beneficenza preferito, in modo che possiamo continuare a cambiare vite e migliorare il mondo. Al semplice costo di due caffè al mese, una persona può donare 100 dollari all'anno alla Fondazione. Si tratta di un piccolo ammontare da pagare per tutto il bene che fa la nostra Fondazione.

E fare una donazione alla nostra Fondazione non è mai stato più facile. Potete fare la Vostra donazione in modo protetto e conveniente in qualsiasi momento, al sito rotary.org/it/donate. Io prevedo di andare online questo mese e fare un'altra donazione e incoraggio ognuno di Voi a fare lo stesso.


Marzo 2019

Con l'avvicinarsi dell'ultimo trimestre dell'anno rotariano è arrivato il momento di valutare i nostri risultati. Lo scorso gennaio avevamo stabilito una serie di obiettivi di raccolta fondi e a giugno riceveremo la pagella. Come sarà?

Da Chair del Consiglio di Amministrazione FR sarò lieto di annunciare, in occasione della Convention del Rotary, quello che tutti noi speriamo di sentire: che abbiamo non solo raggiunto, ma anche superato i nostri obiettivi.

Il motivo è che ognuno di questi obiettivi corrisponde direttamente ai progressi fatti nelle nostre sei aree d'intervento.

Nel 2017/2018 abbiamo approvato 1.300 sovvenzioni globali. Questi fondi hanno finanziato progetti internazionali di grande portata, con risultati misurabili e sostenibili. Alcuni hanno salvato la vita di neonati, altri sono serviti a portare acqua potabile e impianti igienico-sanitari o a incoraggiare lo sviluppo economico nella comunità più povere. Ogni singolo dollaro ha avuto un impatto, positivo e duraturo.

Altrettanto importante sarà assicurare che questo lavoro possa continuare anche nel futuro.

Proprio per questo abbiamo stabilito anche degli obiettivi per il Fondo di dotazione. Questo fondo rappresenta una promessa: che il nostro servizio all'umanità proseguirà nel tempo, che non si fermerà mai.

L'obiettivo di quest'anno per il Fondo di dotazione è di 26,5 milioni di dollari in erogazioni liberali e 35 milioni in impegni di donazione. E non è tutto: vogliamo raggiungere 2,025 miliardi di dollari entro il 2025.

Portare il Fondo di dotazione a questo livello significa assicurare annualmente al Fondo mondiale il reddito necessario per finanziare i progetti della Fondazione, anno dopo anno. Questi fondi alimenteranno in perpetuo i programmi che voi stessi deciderete di sostenere con le vostre donazioni. La nostra eredità, la promessa del Rotary: un obiettivo che potrà concretizzarsi con la partecipazione di ciascuno di noi.

Insieme potremo rendere ancora più dinamica la nostra Fondazione e potenziarne l'opera nel mondo.


Febbraio 2019

Ogni secondo di ogni singolo giorno, i Rotariani fanno del bene nel mondo attraverso la Fondazione Rotary, pianificando, finanziando, realizzando e completando progetti locali e globali. Questo è motivo di grande orgoglio per tutti noi.

Questa per me è una delle caratteristiche che contraddistingue l'affiliazione al Rotary poiché si può scegliere il livello di coinvolgimento che più si addice ai soci, partecipando a un progetto dall'inizio alla fine, oppure entrandovi in una qualsiasi fase del processo. Tutto però inizia con una donazione alla nostra Fondazione in modo che i fondi siano disponibili.

Per molti di noi, una sovvenzione distrettuale offre il modo più veloce e comodo per partecipare alle attività sovvenzionate, poiché in genere si tratta di un progetto a livello locale. Un progetto di sovvenzione distrettuale è un modo utile per presentare il Rotary, ottenere pubblicità, coinvolgere i potenziali soci e beneficiari e per dare un valore aggiunto alla propria comunità.

Le sovvenzioni globali ci offrono la possibilità di partecipare a progetti internazionali in una o più delle nostre sei aree d'intervento. Mentre sviluppiamo un'idea di progetto, valutiamo le esigenze per determinare di cosa ha bisogno la comunità, le risorse necessarie e come accedervi, oltre a come realizzare il progetto in collaborazione con i Rotariani, con i partner e altri. Ci assicuriamo che il nostro progetto includa il coinvolgimento dei Rotariani, vada a beneficio del maggior numero di persone possibile e sia portato avanti dalle persone del posto una volta completato, affinché abbia un impatto sostenibile per la comunità. Ci incoraggia sapere che questi passi sono stati intrapresi accuratamente.

Grazie a questa corretta gestione e responsabilità, noi tutti continuiamo a dare il nostro contributo con il nostro tempo, i nostri talenti e le nostre risorse. Questo è il principio cardine della nostra Fondazione. Ne siamo orgogliosi, e sta facendo davvero la differenza nel nostro mondo!


Gennaio 2019

Quasi tutti noi ricordiamo il Rotariano, o la Rotariana, che ci ha invitato a entrare nel suo club: una persona che non scorderemo mai e a cui saremo eternamente grati per averci dato questa opportunità impareggiabile. Detto questo, non so se la maggior parte di noi sappia indicare con esattezza il momento in cui ha capito l'importanza della Fondazione. Non si è trattato probabilmente di un evento identificabile come l'invito a una riunione, ma deve essere successo comunque in occasione di un'iniziativa o di un progetto – promosso da un club, dal distretto o a livello internazionale – che per noi si è rivelato determinante.

Dal 1905 i Rotary club forniscono ai loro soci una piattaforma attraverso la quale attivarsi nelle loro comunità. I nostri club si trovano negli stessi luoghi in cui viviamo, lavoriamo, facciamo amicizia e in cui possiamo avere un impatto immediato e visibile sulle nostre comunità. Sono convinto che i Rotariani pensino subito ai loro club ogni volta che si parla di "Rotary International".

Quando si parla della Fondazione Rotary, si pensa alla miriade di programmi e di progetti umanitari ed educativi che hanno dato alla nostra Fondazione il posto importante che occupa oggi. La Fondazione è la forza che dà vita al Rotary, che trasforma ogni comunità locale in una comunità internazionale, che rende i Rotariani pronti ad agire ovunque.

L'avvicinarsi dell'anno nuovo spinge molti di noi a fare nuovi propositi: mi auguro che tra i vostri ci sia la voglia di una maggiore partecipazione nella nostra Fondazione. Se noi tutti mettiamo la Fondazione Rotary al primo posto tra le nostre organizzazioni di beneficenza preferite, potremo trasformare quest'anno rotariano nel migliore della nostra storia. Unitevi a me nell'includere un lascito al Rotary tra i buoni propositi per il nuovo anno.


Dicembre 2018

Per molti di noi dicembre è il mese in cui si riflette sull'anno che sta per finire. Ripensando agli obiettivi che ci eravamo riproposti e a quelli che siamo riusciti a realizzare, siamo spesso sorpresi nell'accorgerci che abbiamo concluso più di quanto non speravamo. È anche il momento in cui cominciamo a pensare al nuovo anno e, con ottime intenzioni, a impegnarci a fare ancora di più.

È il momento in cui il pensiero va a quanto ci sta più a cuore – e niente è più importante della famiglia. Proviamo gratitudine per le persone che ci circondano e che ci sono care; per noi Rotariani si tratta di un'ampia cerchia, perché il nostro concetto di famiglia include non solo i nostri familiari, ma anche le numerose amicizie cementate nel corso degli anni nel Rotary. Siamo come quei ciottoli piatti lanciati sulla superficie dello stagno che rimbalzano increspando l'acqua; quando le nostre increspature si intersecano con quelle dei nostri familiari e dei nostri amici, abbiamo un impatto sul mondo.

È anche il momento in cui ci troviamo a riflettere sulle organizzazioni che sono importanti per noi e che esistono grazie alla generosità, nostra e di altri. Le sosteniamo come volontari donando tempo, competenze e aiuti finanziari per ottimizzare la loro opera e per rendere il mondo un posto migliore per tutti. Attraverso questo lavoro continuiamo a crescere.

La nostra famiglia e il nostro impatto diventano ogni anno sempre più grandi grazie al nostro impegno verso la Fondazione Rotary. Lavorare insieme crea una sinergia grazie alla quale anche un singolo individuo può fare la differenza; quando uniamo le forze per una causa comune, le possibilità sono illimitate. E questo processo contribuisce anche a ravvicinarci.

In questo periodo speciale dell'anno, mentre riflettiamo sulle nostre famiglie e sui doni che la vita ci ha dato, vi invito a pensare alla possibilità di un lascito al Rotary. È il momento per una scelta che durerà nel tempo e che permetterà alla nostra Fondazione di continuare in perpetuo la sua importante missione.


Novembre 2018

Ogni anno a novembre celebriamo il Mese della Fondazione Rotary. Siamo davvero fortunati ad avere una Fondazione di classe mondiale che ci consente di fare tanto bene nel mondo. Tutti noi dovremmo essere orgogliosi del fatto che, ogni secondo, ogni giorno, viene fatto del bene, grazie ai Rotariani e alla nostra Fondazione Rotary.

Vi ricordate del nostro grande entusiasmo alla Convention del Rotary International 2017 di Atlanta, dove abbiamo celebrato i primi 100 anni della Fondazione? L'obiettivo di raccolta fondi per quell'anno era di 300 milioni di dollari e, come ricorderete, abbiamo raccolto 304 milioni, superando l'obiettivo. Si è trattato di un anno esemplare per la Fondazione.

Nell'anno rotariano 2017/2018, con l'inizio del secondo anno di service della Fondazione, abbiamo stabilito un obiettivo ancora più ambizioso, di 360 milioni di dollari. Alla Convention di Toronto a giugno, il Chair uscente della Fondazione, Paul A. Netzel, ha detto ai congressisti presenti che, ancora una volta, avevamo realizzato un anno esemplare per la Fondazione, con un record di 373 milioni di dollari raccolti.

Quest'anno il nostro obiettivo è di 380 milioni. Il nostro obiettivo per la polio è di 50 milioni, che verrà triplicato grazie ai fondi di equiparazione elargiti dalla Bill & Melinda Gates. Con l'aggiunta di 137 milioni di dollari come obiettivo per il Fondo annuale, 61,5 milioni per il Fondo di dotazione e 31,5 milioni in contanti per le sovvenzioni globali e altre donazioni dirette, i nostri numerosi programmi saranno finanziati e i Rotariani completamente attrezzati e pronti a continuare a fare una vera differenza positiva.

Adesso, sta a me e a voi. Abbiamo la possibilità di tracciare un percorso sempre più rilevante e influente, per scegliere la direzione e i tempi per il secondo secolo della Fondazione.

Vorrei sfidare tutti voi ad accrescere il vostro coinvolgimento nella nostra Fondazione, impegnandovi, donando e ispirando. Insieme, possiamo rendere il futuro anche più brillante del presente. Potremo rendere ogni mese il Mese della Fondazione Rotary. Pertanto, Siate di ispirazione, facendo leva sull'eredità del Rotary, e rendiamo questo anno come un altro anno esemplare della nostra storia.


Ottobre 2018

Il Rotary, sin dalla sua nascita nel 1905, è stato promotore di pace. La Convention del Rotary del 1914 ha adottato una risoluzione che dichiarava che la nostra organizzazione "ha usato la sua influenza per il mantenimento della pace tra le nazioni del mondo". Quindi, nel 1921, la Convention ha incorporato nei documenti costitutivi del Rotary l'obiettivo di aiutare l'avanzamento della pace e la buona volontà internazionale attraverso la fellowship nell'ideale di service del Rotary. Nel 1945, il Rotary ha avuto un ruolo chiave nella creazione delle Nazioni Unite, quando circa 50 Rotariani hanno partecipato come delegati o consulenti alla conferenza per la fondazione dell'ONU a San Francisco.

Oggi, la promozione della pace è una delle nostre aree d'intervento. Ogni progetto di service del Rotary, finanziato con una sovvenzione distrettuale o globale, ha un impatto sulla pace. I progetti possono essere nel campo della pace, dell'acqua e strutture igienico-sanitarie, dell'alfabetizzazione e educazione di base, dello sviluppo economico e comunitario, oppure nel campo della salute materna e infantile e della prevenzione e cura delle malattie. Non ci sono differenze, perché il risultato finale porta un contributo positivo al nostro mondo, migliorando la qualità della vita dei beneficiari, e questo miglioramento è un elemento della pace.

Inoltre, ogni anno la Fondazione seleziona fino a 100 professionisti da tutto il mondo come Borsisti della pace del Rotary, presso uno dei nostri sei centri della pace, per conseguire un master o un certificato di sviluppo professionale, nel campo dei diritti umani, politica internazionale, salute pubblica e sviluppo. Ad oggi, oltre 1.100 persone hanno partecipato al programma, e stiamo cominciando a vedere dei buoni risultati.

Guardando al futuro, gli Amministratori della Fondazione Rotary stanno discutendo su come migliorare il programma e il nostro impegno per la pace, in modo da ottenere il massimo impatto possibile. Vi invito a fare una donazione all'Iniziativa Grandi donazioni per i Centri della pace per dare il supporto alla prossima generazione di edificatori di pace.


Settembre 2018

Sono stato governatore distrettuale nel 1987/1988, anno in cui Charles C. Keller era presidente di RI. Nelle veci di governatore distrettuale, ho partecipato alla Convention internazionale del Rotary a Filadelfia nel 1988. In quell'occasione sono venuto a conoscenza del fatto che c'erano circa 350.000 casi di polio in 125 Paesi. Ma sentii anche alcune notizie interessanti: avevamo superato il nostro obiettivo di raccogliere 120 milioni di dollari per l'eradicazione della polio. Avevamo raccolto 219.350.449 dollari e successivamente una volta completata la contabilità, quella cifra è stata corretta a 247 milioni di dollari. Abbiamo veramente festeggiato alla grande. Abbiamo dimostrato a noi stessi e al mondo la forza del Rotary e che potevamo accogliere una sfida globale per la salute.

Nei trenta anni successivi, insieme ai nostri partner quali l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, l'UNICEF e la Fondazione Bill & Melinda Gates, abbiamo raccolto ancora più fondi, organizzato Giornate Nazionali di Immunizzazione e collaborato con i governi mondiali. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di mantenere la promessa di dare ai bambini un mondo libero dalla polio, e nel 2017 ci sono stati solo 22 casi.

Abbiamo fatto un lavoro incredibile, ma sappiamo che non è finito. Una volta ridotto il numero di casi a zero e nessun virus viene rilevato nell'ambiente, dobbiamo aspettare che l'OMS certifichi ufficialmente che il mondo è libero dalla polio. Ciò richiede un periodo di almeno tre anni senza un singolo rilevamento del polio virus selvaggio in una persona o nell'ambiente. Durante quei tre anni, dovremo ancora vaccinare i bambini e garantire, attraverso la sorveglianza, che il virus non riprenda mai a diffondersi.

I Rotariani sono sempre stati in prima linea in questo sforzo e lo siamo ancora oggi. Allora, cosa potete fare? Parlate del Rotary e della polio a tutti coloro che conoscete. Fate una donazione. Tenete aggiornato il vostro club e ponderate insieme come partecipare direttamente a questa lotta.

Il 24 ottobre festeggeremo il 30° anniversario del lancio dell'Iniziativa Globale per l'Eradicazione della Polio in occasione della nostra sesta Giornata Mondiale della Polio, a Filadelfia, la città dove tutto è iniziato. Organizzate una raccolta fondi o una "watch party" per la Giornata Mondiale della Polio e promuovetela su endpolio.org/it/promote-your-event. Per ulteriori informazioni, visitate endpolio.org/it.

Ho bisogno del vostro aiuto. Mi affido a voi per aiutarci a mantenere la nostra promessa.


Agosto 2018

Senza il Fondo di dotazione della Fondazione Rotary, i nostri sforzi non approderebbero a nulla. Il Fondo è la spina dorsale di tutto ciò che il Rotary fa nel mondo: ci permette di avere accesso al tempo, talenti e risorse necessarie per fare la differenza. L'obiettivo che ci siamo posti, portare il Fondo di dotazione a 2,025 miliardi di dollari entro il 2025, e il traguardo di quest'anno, ossia la raccolta di fondi per un valore equivalente a 380 milioni, sono sicuramente tra i compiti più importanti per la nostra organizzazione.

Il vostro sostegno finanziario ha reso possibile la realizzazione di ognuna delle tante opere che il Rotary ha fatto negli anni. Ma c'è una cosa ugualmente essenziale, e che talvolta rischia di passare in secondo piano: la vostra partecipazione.

Senza di voi, il Rotary non è nulla. La Fondazione ha bisogno della vostra presenza, del contributo delle vostre idee, della creatività della vostra mente, non meno di quanto ha bisogno del vostro generoso sostegno finanziario. I nostri Rotary club hanno bisogno di voi: che siate lì, alle riunioni; non per scaldare le sedie, ma per impegnarvi, per ispirare.

Il mese scorso ho condiviso con voi come è cambiato il mio rapporto con il Rotary dopo essere passato dall'essere un tiepido (nel migliore dei casi) scaldatore di sedie a presidente di commissione, deciso e coinvolto. Ma non c'è bisogno di aspettare che qualcuno vi chieda di presiedere una commissione o di assumere un incarico dirigenziale nel club per cominciare a trasformare il vostro viaggio nel Rotary. C'è un posto nel Rotary per ognuno di voi, per alzarsi in piedi ed essere pronti ad agire.

Siate coinvolti. Impegnarsi nel proprio club, nei progetti di service idonei per ricevere i Fondi di Designazione Distrettuale, è un modo di partecipare e di usare la propria voce per fare una vera differenza. Se il vostro club non ha in programma progetti che vi interessano, datevi da fare per avviarne uno. Svolgete l'esercizio sulla valutazione dei bisogni della comunità per capire come usare al meglio le nostre risorse per creare cambiamenti positivi.

Questo mese, vi invito a trasformare il modo in cui pensate al vostro coinvolgimento nel Rotary. Trattate ogni riunione come una possibilità di scoprire nuove vie dove incanalare le vostre energie e per ragionare in piena libertà con gli altri Rotariani, uniti negli atteggiamenti e nei valori di fondo, su come lavorare insieme per un mondo migliore.


Luglio 2018

Circa un anno e mezzo dopo essere diventato socio del Rotary club, ho revocato la mia affiliazione a causa della mia assenza a quattro riunioni consecutive. All'epoca questa era la regola. Ammetto francamente che i pranzi o le riunioni settimanali non mi interessavano un granché. Non pensavo che questo fosse il modo migliore di mettere a frutto il mio tempo. Ma il vero problema era il fatto di non essere coinvolto. Non svolgevo alcun incarico in seno al club, non ero motivato e non avevo bisogno di andare a una riunione ogni settimana che sembrava non offrirmi assolutamente niente.

Il presidente entrante del mio club, però, mi chiese di presiedere la commissione della Fondazione Rotary del club nell'anno rotariano successivo. Per me è stato un punto di svolta, e il resto è storia. Voglio che tutti Voi cerchiate di coinvolgere i soci che hanno dubbi sul Rotary. Nel 2018/2019 ho bisogno del Vostro aiuto. Voglio che Vi dedichiate insieme a me ai nostri quattro obiettivi principali per la Fondazione.

La nostra prima priorità, penso non sia una sorpresa per nessuno; è l'eradicazione della polio. Dobbiamo mantenere la promessa fatta a tutti i bambini di realizzare un mondo libero dalla polio.

La seconda priorità è aumentare la sostenibilità dei nostri impegni di service nelle sei aree d'intervento del Rotary. Ciò significa condurre valutazioni approfondite dei bisogni. Significa collaborare con i membri delle comunità per scoprire quali sono i reali bisogni e far sì che acquisiscano il senso di appartenenza al progetto e ne misurino i risultati nel tempo.

La nostra terza priorità è incoraggiare i distretti a impiegare tutti i loro Fondi di Designazione Distrettuale. A prescindere che sia attraverso le sovvenzioni distrettuali, le sovvenzioni globali o PolioPlus, esistono tanti modi per formare partenariati dediti alla trasformazione e mettere a frutto questi fondi.

Infine, abbiamo scelto di aumentare il nostro Fondo di dotazione della Fondazione Rotary a 2,025 miliardi di dollari entro il 2025. Il nostro obiettivo complessivo di raccolta fondi per l'anno è di 380 milioni di dollari. Questi fondi ci consentiranno di continuare a finanziare i programmi che cambiano la vita delle persone, promossi ogni anno dai soci del Rotary. Ognuno di noi, però, deve pensare alla propria eredità Rotary. Il Fondo di dotazione è il nostro futuro.

Quindi Vi esorto a unirVi a me, e facciamo in modo che questo sia un anno di crescita per il Rotary. La Vostra eredità, è la promessa del Rotary.